Medicina Ortomolecolare Naturale & Complementare

Medicina Ortomolecolare Naturale & Complementare

Un metodo naturale come via di guarigione. Tito Sofi M.D , Milano, Italia . [email protected]

11/4/2021 9:05:49 AM
Articolo pubblicato su Nature :La proteina spike della variante A.30 di SARS-CoV-2 è fortemente mutata ed elude gli anticorpi indotti dal vaccino con alta efficienza». 
11/4/2021 9:05:48 AM
La perdita di olfatto e gusto dopo il COVID-19: perché e come recuperarli. 
La perdita dell'olfatto è una caratteristica del post COVID-19, tanto da essere considerata un buon  
indicatore del fatto che qualcuno sia stato infettato rispetto ad altri sintomi comuni, come febbre o  
tosse. Gli studi suggeriscono che più di metà delle persone infettate perde temporaneamente la  
capacità di percepire gli odori, e la percentuale può raggiungere il 67% nelle persone con infezioni  
da lievi a moderate, probabilmente perché tendono ad essere più giovani e quindi ad avere più  
percezione al fatto di avere l’olfatto alterato. La buona notizia è che vari studi hanno suggerito che  
per le persone la cui percezione olfattiva è stata danneggiata, l'esposizione ripetuta a breve termine  
agli odori può aiutarle a riprendersi il senso perduto. 
Il modo in cui percepiamo gli odori è attraverso un gruppo di cellule nervose chiamate "neuroni  
sensoriali olfattivi", che si trovano in alto nella parte posteriore del naso in una struttura chiamata  
bulbo olfattivo. Questi neuroni hanno minuscole proiezioni simili a peli che si estendono nel  
rivestimento nasale ricoperto di muco e rispondono alle molecole odorose che respiriamo attraverso  
il naso. All'inizio della pandemia, gli scienziati temevano che SARS-CoV-2 potesse innescare la  
perdita dell'olfatto infettando questi neuroni olfattivi e poi facendosi strada nel cervello, dove avrebbe  
potuto causare danni permanenti. Ulteriori ricerche hanno rivelato che questi neuroni mancano dei  
recettori ACE2 che il virus utilizza per infettare le cellule, ma si trovano sulle cellule di supporto nel  
rivestimento nasale che interagiscono con questi neuroni. 
Il compito di queste cellule di supporto, chiamate cellule sustentacolari, è mantenere l'equilibrio degli  
ioni di sale nel muco nasale, e i neuroni si affidano a loro per inviare segnali al cervello. Forniscono  
inoltre supporto strutturale e metabolico ai neuroni olfattivi. Un recente studio sui criceti ha suggerito  
che sono state queste cellule di supporto a essere invase da SARS-CoV-2, piuttosto che i neuroni  
olfattivi, e che ciò ha provocato una massiccia infiltrazione di cellule immunitarie, seguita da  
un'interruzione della normale organizzazione del rivestimento nasale, compresa la perdita delle  
proiezioni simili a peli che i neuroni usano per rilevare le molecole di odore.La buona notizia è che hanno anche scoperto che il rivestimento nasale inizia a ricostruirsi dopo circa  
14 giorni dall’infezione, anche è difficile valutare quanto sia tornato l'olfatto ad un criceto. 
Gli studi sugli esseri umani stanno dando alcune risposte. Uno studio recente, che ha monitorato la  
salute di 2.428 persone che affermavano di aver perso l'olfatto e/o il gusto a causa del COVID-19, ha  
scoperto che il 40% di loro aveva completamente riacquistato l'olfatto sei mesi dopo, mentre solo il  
2% non ha riportato alcun miglioramento. Un sondaggio separato ha suggerito che il recupero  
potrebbe essere più rapido per molti individui, con il 71,8% che ha riportato un ritorno a una  
percezione dell’odore "molto buona" o "buona" dopo un mese. 
La perdita del gusto - un altro sintomo di COVID-19 - è più difficile da valutare, perché la maggior  
parte degli studi si basa su pazienti che riferiscono i propri sintomi e parte di ciò che percepiscono  
come perdita del gusto può essere il risultato della perdita dell'olfatto. La percezione del sapore è  
fortemente influenzata dal nostro senso dell'olfatto, motivo per cui tapparsi il naso può rendere più  
facile la deglutizione dei cibi sgradevoli. Tuttavia, nel precedente studio su 2.428 individui, solo il  
3% di loro ha riferito di non essere ancora in grado di discriminare tra dolce, acido, salato, amaro e
11/1/2021 1:49:59 AM
umami - sapori che vengono percepiti direttamente dalle papille gustative sulla nostra lingua - dopo  
sei mesi. Durante il recupero, alcune persone riferiscono anche un senso dell'olfatto distorto, o  
"parosmia": ad esempio, molte persone che si stanno riprendendo da COVID-19 riferiscono di sentire  
un odore sgradevole e rancido. Per quanto disgustoso possa essere, di solito è un segno che le cellule  
nervose si stanno riprendendo. 
Quando si parla di alimentazione i sensi come il sapore e gli odori sono molto importanti, in quanto 
un cambiamento o la completa assenza di uno di questi due sensi può influire sulle esperienze 
gustative di cibo e bevande. 
Le conseguenze nutrizionali di anosmia e ageusia generalmente sono le seguenti:

- Perdita dell’appetito 
- Difficoltà nel cucinare 
- Perdita d’interesse nei confronti del cibo 
- Perdita di peso, specie di massa magra
Rischio di deficit nutrizionali 
- Ridotta qualità della vita in generale 
Il tipo di effetto sul cambiamento o perdita di sapori o odori può variare da persona a persona e non 
è detto che chi abbia anosmia sia anche in presenza di ageusia. Può capitare di non sentire gli odori 
ma di avvertire comunque il sapore dolce, salato, aspro o amaro. 
Tuttavia, in Covid-19 sintomi del genere possono apportare perdita dell’appetito, perdita di massa 
magra e soprattutto rischiosi deficit nutrizionali che possono debilitare l’organismo e influir 
negativamente sul sistema immunitario. 
La buona notizia è che vari studi hanno suggerito che per le persone la cui percezione olfattiva è stata  
danneggiata dopo un'infezione virale, l'esposizione ripetuta a breve termine agli odori può aiutare la  
ripresa. Gli esperti consigliano di scegliere quattro profumi che vi piacciono o con cui avete una  
connessione e di annusarli attivamente due volte al giorno, spendendo circa 20 secondi su ogni  
profumo. Idealmente, dovresti provare a scegliere profumi che rappresentano le quattro categorie di  
fiorito, fruttato, speziato e resinoso, utilizzando oli essenziali o la sostanza reale da cui derivano. Ad  
esempio, se avete scelto il limone, potreste usare della buccia di limone grattugiata: mentre la  
annusate, concentrate i tuoi vostri pensieri sul limone e cercate di ricordare le vostre esperienze  
passate con questo frutto. 
Uno dei metodi più seguiti è quello pubblicato dal Professor Thomas Hummel dell’università di  
Dresda. La rieducazione consiste nell’annusare due volte al giorno 4 diversi oli essenziali: rosa,  
eucalipto, limone e chiodi di garofano per 5-6 mesi seguendo il procedimento appena descritto.  
Non è una soluzione veloce, ma nel tempo dovrebbe aiutarvi a recuperare l'olfatto perduto. 
Qui potete scaricare un utile manualetto su come creare da soli un kit per quello che viene chiamato 
“smell training” ed allenarvi a recuperare l’olfatto perduto.  

https://abscent.org/application/files/7015/8525/1422/How_to_make_a_smell_training_kit_March_2 
020_ITALIAN.pdf

Bibliografia 
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7401831/ 
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK549775/ 
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3733708/ 
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3341581/ 
https://link.springer.com/article/10.1007/s12078-012-9129-5 
https://onlinelibrary.wiley.com/doi/full/10.1111/j.1601-0825.2011.01788.x 
https://onlinelibrary.wiley.com/doi/full/10.1111/j.1601-0825.2011.01788.x
11/1/2021 1:49:59 AM
La Spike è una tossina e lo sapevamo. 
Concetto ribadito dal celebre Dr Cole della Mayo Clinic 

https://www.dailymotion.com/video/x83jpin
8/21/2021 9:06:28 PM
Qualche studio sull'efficacia del plasma iperimmune. 


Convalescent plasma or hyperimmune immunoglobulin for people with COVID-19: a living systematic review.AUPiechotta V, Chai KL, Valk SJ, Doree C, Monsef I, Wood EM, Lamikanra A, Kimber C, McQuilten Z, So-Osman C, Estcourt LJ, Skoetz N SOCochrane Database Syst Rev. 2020;7:CD013600. Epub 2020 Jul 10.

 Treatment of Coronavirus Disease 2019 Patients with Convalescent Plasma Reveals a Signal of Significantly Decreased Mortality.AUSalazar E, Christensen PA, Graviss EA, Nguyen DT, Castillo B, Chen J, Lopez BV, Eagar TN, Yi X, Zhao P, Rogers J, Shehabeldin A, Joseph D, Leveque C, Olsen RJ, Bernard DW, Gollihar J, Musser JM SOAm J Pathol. 2020;190(11):2290. Epub 2020 Aug 11. 

Improved clinical symptoms and mortality among patients with severe or critical COVID-19 after convalescent plasma transfusion.AUXia X, Li K, Wu L, Wang Z, Zhu M, Huang B, Li J, Wang Z, Wu W, Wu M, Li W, Li L, Cai Y, Bosco B, Zhong A, Liu X, Lv T, Gan Z, Chen G, Pan Y, Liu C, Zhang K, Xu X, Wang C, Wang Q SOBlood. 2020;136(6):755. 

Convalescent plasma treatment of severe COVID-19: a propensity score-matched control study.AULiu STH, Lin HM, Baine I, Wajnberg A, Gumprecht JP, Rahman F, Rodriguez D, Tandon P, Bassily-Marcus A, Bander J, Sanky C, Dupper A, Zheng A, Nguyen FT, Amanat F, Stadlbauer D, Altman DR, Chen BK, Krammer F, Mendu DR, Firpo-Betancourt A, Levin MA, Bagiella E, Casadevall A, Cordon-Cardo C, Jhang JS, Arinsburg SA, Reich DL, Aberg JA, Bouvier NM SONat Med. 2020;26(11):1708. Epub 2020 Sep 15. 

Effect of Convalescent Plasma on Mortality among Hospitalized Patients with COVID-19: Initial Three-Month Experience.AUJoyner MJ, Senefeld JW, Klassen SA, Mills JR, Johnson PW, Theel ES, Wiggins CC, Bruno KA, Klompas AM, Lesser ER, Kunze KL, Sexton MA, Diaz Soto JC, Baker SE, Shepherd JRA, van Helmond N, van Buskirk CM, Winters JL, Stubbs JR, Rea RF, Hodge DO, Herasevich V, Whelan ER, Clayburn AJ, Larson KF, Ripoll JG, Andersen KJ, Buras MR, Vogt MNP, Dennis JJ, Regimbal RJ, Bauer PR, Blair JE, Paneth NS, Fairweather D, Wright RS, Carter RE, Casadevall A SOmedRxiv. 2020; 

Significantly Decreased Mortality in a Large Cohort of Coronavirus Disease 2019 (COVID-19) Patients Transfused Early with Convalescent Plasma Containing High-Titer Anti-Severe Acute Respiratory Syndrome Coronavirus 2 (SARS-CoV-2) Spike Protein IgG.AUSalazar E, Christensen PA, Graviss EA, Nguyen DT, Castillo B, Chen J, Lopez BV, Eagar TN, Yi X, Zhao P, Rogers J, Shehabeldin A, Joseph D, Masud F, Leveque C, Olsen RJ, Bernard DW, Gollihar J, Musser JM SOAm J Pathol. 2021;191(1):90. Epub 2020 Nov 4. 

Convalescent Plasma Antibody Levels and the Risk of Death from Covid-19.AUJoyner MJ, Carter RE, Senefeld JW, Klassen SA, Mills JR, Johnson PW, Theel ES, Wiggins CC, Bruno KA, Klompas AM, Lesser ER, Kunze KL, Sexton MA, Diaz Soto JC, Baker SE, Shepherd JRA, van Helmond N, Verdun NC, Marks P, van Buskirk CM, Winters JL, Stubbs JR, Rea RF, Hodge DO, Herasevich V, Whelan ER, Clayburn AJ, Larson KF, Ripoll JG, Andersen KJ, Buras MR, Vogt MNP, Dennis JJ, Regimbal RJ, Bauer PR, Blair JE, Paneth NS, Fairweather D, Wright RS, Casadevall A SON Engl J Med. 2021;384(11):1015. Epub 2021 Jan 13. 
8/1/2021 6:31:50 PM
Una nuova malattia che colpisce il cervello e la possibile correlazione con “i vaccini” Covid 19.
 
Il 27 dicembre 2020 è stato pubblicato un articolo scientifico che parla del collegamento tra i vaccini  
a mRNA e la malattia da prioni (https://scivisionpub.com/pdfs/covid19-rna-based-vaccines-and-the- 
risk-of-prion-disease-1503.pdf) 
Più di recente c'è stata la preoccupazione che le molecole intracellulari ubiquitarie  
potessero essere attivate per causare malattie da prioni tra cui il morbo di Alzheimer, la SLA e altre  
malattie neurodegenerative. 
Questa preoccupazione nasce a causa del potenziale uso improprio dei dati di ricerca su 
i meccanismi mediante i quali alcune proteine leganti l'RNA come TDP-43, FUS e altre possono  
essere attivate per formare prioni che causano malattie.  
A quanto pare è stato scoperto che i vaccini covid possono causare una serie di eventi avversi cronici  
a sviluppo tardivo. Alcuni eventi avversi come il diabete di tipo 1 potrebbero non verificarsi fino a 3- 
4 anni dopo la somministrazione del vaccino con una frequenza dei casi di questi eventi avversi che  
andrebbero a superare la frequenza dei casi di malattia infettiva grave che il vaccino è stato progettato  
per prevenire. 
Dato che il diabete di tipo 1 è solo una delle tante malattie immunomediate potenzialmente causate  
dai vaccini, gli eventi avversi cronici tardivi rappresentano un serio problema di salute pubblica. 
L'avvento della nuova tecnologia dei vaccini crea nuovi potenziali meccanismi di eventi avversi del  
vaccino.  
Anche i vaccini a base di RNA presentano il rischio di indurre eventi avversi specifici. 
Tra questi potenziali eventi avversi ci sono le malattie a base di prioni causate dall'attivazione di  
proteine intrinseche a formare prioni. Molto è stato pubblicato su di una classe di proteine leganti l'RNA che hanno dimostrato di partecipare alla causa di una serie di malattie neurologiche tra cui il  
morbo di Alzheimer e la SLA. TDP-43 e FUS sono tra le meglio studiate di queste proteine [2]. 
Il vaccino COVID-19 a base di RNA Pfizer è stato approvato dalla FDA degli Stati Uniti con  
un'autorizzazione all'uso di emergenza senza dati di sicurezza a lungo termine. A causa delle  
preoccupazioni sulla sicurezza di questo vaccino, è stato condotto uno studio per determinare se il  
vaccino potesse potenzialmente indurre una malattia basata sui prioni, valutando il suo potenziale di  
convertire TDP-43 e / o FUS nei loro stati che causano malattie a base di prioni.  
L'interazione della proteina spike trascritta con il suo bersaglio è stata analizzata per determinare se  
questa azione potesse attivare anche TDP-43 e FUS ed è risultato che la sequenza di RNA nel vaccino  
[3] contiene sequenze che si ritiene inducano TDP-43 e FUS ad aggregarsi nella loro conformazione  
basata sui prioni portando allo sviluppo di comuni malattie neurodegerative. 
In particolare, è stato dimostrato che le sequenze di RNA GGUA [4], le sequenze ricche di UG [5],  
le ripetizioni tandem di UG [6] e le sequenze di quadruplex G [7], hanno una maggiore affinità per  
legare TDP-43 e / o FUS e possono causare TDP-43 o FUS per prendere le loro configurazioni  
patologiche nel citoplasma.  
La proteina spike codificata dal vaccino si lega all'enzima di conversione dell'angiotensina 2 (ACE2),  
un enzima che contiene molecole di zinco [8]. Il legame della proteina spike all'ACE2 ha il potenziale  
per rilasciare la molecola di zinco, uno ione che fa sì che TDP-43 assuma la sua trasformazione  
prionica patologica [9]. 
La malattia da prioni potrebbe essere ancora più comune e debilitante dell'infezione virale che il  
vaccino è progettato per prevenire.

Aprile 2021: in questi giorni è uscito sui giornali il seguente articolo: 
Paura in Canada per una misteriosa malattia: “Simile alla mucca pazza, morte 5 persone”
6/29/2021 7:52:43 AM
Segnalati oltre 40 casi di una sindrome neurologica di origine sconosciuta nella provincia del New  
Brunswick, sulla costa orientale del Paese. Secondo i dati preliminari colpirebbe tutte le fasce di età e  
potrebbe essere contrata dall’acqua, dal cibo o dall’aria, manifestandosi con sintomi che includono  
cambiamenti del comportamento, problemi di coordinazione, dolori inspiegabili e allucinazioni visive.
6/29/2021 7:52:43 AM

6/15/2021 12:23:33 AM

6/15/2021 12:23:26 AM
Idrossiclorochina e Influenza spagnola
6/15/2021 12:23:18 AM
Studio che dimostra come l'Ivermectina riduce la mortalità nelle infezioni da covid.
6/6/2021 3:39:12 PM

6/6/2021 3:38:33 PM
Efficacia delle mascherine chirurgiche e in cotone nel blocco del SARS–CoV-2: Un confronto controllato su 4 pazienti | Silvana De Mari Community
https://www.silvanademaricommunity.it/2021/05/11/efficacia-delle-mascherine-chirurgiche-e-in-cotone-nel-blocco-del-sars-cov-2-un-confronto-controllato-su-4-pazienti/
5/27/2021 8:21:14 AM

5/12/2021 11:30:19 PM

Channel Informations

Members: 659

Last Update: 04/11/2021 07:03:29 AM

Invite Link: ...

Open Telegram Channel

2/27/2017 5:19:46 AM
6/19/2017 9:55:50 PM
9/18/2016 1:10:04 AM
9/14/2018 6:46:54 PM
3/23/2017 9:13:47 AM
1/1/2017 10:16:04 PM
1/2/2017 5:46:00 AM

Learn how create website from telegram channel

Here is an easy tutorial with small steps for tgio bot. All of your post will add to your website from today. Start now.

Start tutorial
4/21/2017 5:05:16 AM
11/18/2016 7:14:23 PM
3/17/2017 6:54:17 AM
11/30/2016 8:07:01 AM
1/1/2017 10:04:08 PM
11/27/2016 6:43:25 AM
9/24/2016 4:07:21 PM
5/13/2017 9:36:33 PM